ExpressVPN vs NordVPN

ExpressVPN e NordVPN sono i principali provider di servizi VPN, ma qual è il più indicato per chi risiede in Italia? In questa recensione esamineremo gli attributi di ciascuno di questi servizi top.

Non sai se scegliere NordVPN o ExpressVPN?

Se non riesci a decidere tra ExpressVPN e NordVPN, noi ti consigliamo la seconda. Si tratta di un’ottima opzione low-cost con lo sconto attuale, ha dimostrato di offrire una delle più elevate velocità fra tutti i provider ed è anche una soluzione fantastica per riprodurre in streaming contenuti TV italiani quando si è in vacanza. Inoltre, NordVPN offre funzioni di protezione all’avanguardia e una politica no-log.

Ciò nonostante, ExpressVPN rimane un’ottima alternativa nel 2021. Costa un po’ di più, ma anche questo provider offre un grosso sconto se acquistato in offerta. Funziona particolarmente bene con piattaforme come Netflix USA e Hulu, nonché con emittenti italiane come Canale 5, La5, Italia 1 e TV8.

Ricorrendo alla meticolosa analisi di tutti gli attributi, siamo stati in grado di effettuare un confronto dettagliato tra questi due provider. Ecco cosa abbiamo rilevato.

Riepilogo: ExpressVPN vs NordVPN

ExpressVPN

  • Sufficientemente veloce per lo streaming senza interruzioni.
  • Sblocca una vastissima gamma di piattaforme di streaming soggette a restrizioni geografiche.
  • Firmware del router personalizzato.
  • Funzione di split tunneling.
  • Server ubicati in Italia e in altri 94 Paesi.
  • Sito web: expressvpn.com.

NordVPN

  • Offre le velocità più elevate nel mercato.
  • Provider con sede a Panama.
  • Ottima soluzione per sbloccare piattaforme soggette a restrizioni geografiche quando ci si trova all’estero.
  • Funzioni di blocco degli annunci, scansione di malware e protezione Wi-Fi automatica.
  • Server ubicati in Italia e in altri 59 Paesi.
  • Sito web: nordvpn.com.

Pagamenti e sconti: ExpressVPN vs NordVPN

ExpressVPNNordVPN
Durata abbonamento1 mese1 mese
6 mesi1 anno
1 anno2 anni
Offerta specialeTre mesi gratis con abbonamento di 1 anno72% di sconto per l’abbonamento biennale
Prezzo mensile più alto12,95 $11,99 $
Prezzo mensile più basso6,67 $3,29 $
Prezzo per un anno99,95 $ (15 mesi effettivi)59.88 $
Garanzia soddisfatti o rimborsati30 giorni30 giorni

Entrambi offrono una garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni. Li abbiamo messi alla prova e possiamo dire che entrabi i provider rispettano questo impegno senza richiedere una motivazione o di dimostrare perché il servizio non soddisfa le esigenze dell’utente.

ExpressVPN offre tre mesi gratis se ci si abbona per un anno, una buona soluzione per coloro che optano per un piano del genere. NordVPN offre grandi sconti a lungo termine, quindi è possibile ottenere una tariffa di 3,29 $ al mese se l’utente è disposto a pagare in anticipo per l’abbonamento biennale.

Sconto ExpressVPN
Risparmia l'49%
Scopri l'offerta >
Sconto applicato automaticamente
Sconto NordVPN
RISPARMIA IL 60% sull'abbonamento di 2 anni
Scopri l'offerta >
Sconto applicato automaticamente

Caratteristiche e funzioni

ExpressVPNNordVPN
Ταυτόχρονες συνδέσεις56
Εφαρμογές λειτουργικού συστήματοςWindows,macOS, iOS, Android, Linux, Amazon Fire, επιλέξτε δρομολογητήWindows,macOS, iOS, Android, Linux, Amazon Fire
Χειροκίνητη εγκατάσταση συσκευώνΑποκωδικοποιητές και ορισμένοι δρομολογητέςΟρισμένοι δρομολογητές και αποκωδικοποιητές
Διάσπαση σήραγγαςΝαιΜόνο για Windows
Δωρεάν πρόσθεταΕπέκταση προγράμματος περιήγησης για Chrome, Firefox και SafariΕπέκταση προγράμματος περιήγησης για Chrome,και Firefox.
Αποκλεισμός διαφημίσεων και κακόβουλου λογισμικού

ExpressVPN e NordVPN sono tra i pochi provider di VPN a offrire utilità a riga di comando, per una facile installazione su dispositivi che eseguono Linux. Entrambi i provider offrono anche app native per dispositivi Windows, macOS, iOS, Android e Amazon Fire.

Con ExpressVPN, le app per Windows, iOS e macOS sono disponibili in italiano. L’app per Android, invece, non lo è al momento. Nessuna app di NordVPN è disponibile in italiano.

ExpressVPN batte NordVPN in termini di router, perché dispone del suo firmware personalizzato, facile da usare e che funziona con router selezionati. Detto ciò, anche NordVPN può essere installata manualmente su un’ampia gamma di router. Inoltre, offre diversi tutorial che spiegano come installare la VPN su vari tipi di router.

Per quanto riguarda la possibilità di collegare più dispositivi simultaneamente, NordVPN batte di poco ExpressVPN (sei dispositivi contro i cinque di quest’ultima). In entrambi i casi, se l’utente installa la VPN su un router, conta solo come una connessione.

NordVPN ha un sistema di blocco degli annunci e di protezione da malware chiamato CyberSec, che può essere attivato all’interno dell’app.

Streaming e Netflix

ExpressVPNNordVPN
Emittente/piattaforma
NetflixPiù di una decina di cataloghi, tra cui Stati Uniti, Australia, Giappone e CanadaPiù di una decina di cataloghi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Giappone e Canada
HuluStati Uniti e GiapponeStati Uniti e Giappone
Sky Go
Amazon Prime
Video
BBC iPlayerNo
ABCNo
CBS
NBC
ITV
Channel 4

Quando si tratta di sbloccare i siti di streaming soggetti a restrizioni geografiche, sia ExpressVPN che NordVPN sono sicuramente all’altezza della sfida. Non sono molte le piattaforme di streaming a cui non è possibile accedere dall’estero con uno di questi provider. Entrambi hanno server ubicati in Italia in grado di accedere alle emittenti TV italiane quando ci si trova all’estero. La rete include server per piattaforme di trasmissione in streaming come Canale 5, La5, Italia 1, Sky Italia, Cielo, DMAX e TV8.

Entrambi questi provider funzionano molto bene con Netflix e, nel caso di NordVPN, tutti i server che abbiamo testato fanno bene il loro lavoro. Tuttavia, se il catalogo che corrisponde alla posizione del server non può essere sbloccato, NordVPN reindirizzerà automaticamente l’utente al catalogo degli Stati Uniti.

Se si dispone di una box Kodi, è possibile utilizzare una di queste VPN per aggirare le restrizioni geografiche stabilite dalle emittenti TV. Né ExpressVPN né NordVPN offrono un’app che possa essere installata su una Kodi box; tuttavia, hanno guide per la configurazione che spiegano come condividere la connessione VPN da un PC o da un router VPN. Inoltre, la gamma di opzioni di protocollo VPN disponibili con ciascun provider (vedi sotto) indica che, nel caso in cui la Kodi box non supportasse OpenVPN, l’utente avrebbe comunque un sacco di opzioni disponibili.

Se l’utente utilizza Kodi sul computer, può controllare la geolocalizzazione utilizzando l’app nativa ExpressVPN o NordVPN installata sul dispositivo.

Cina

Sia ExpressVPN che NordVPN offrono buone prestazioni in Cina. Il sito web principale di ExpressVPN è in realtà bloccato dal governo cinese, ma il provider fornisce agli utenti che si trovano in questo Paese un indirizzo alternativo.

ExpressVPN è pienamente consapevole delle difficoltà correlate alla disponibilità dei suoi servizi in Cina. Sebbene i servizi funzionino nella Repubblica Popolare, a volte si verificano delle interruzioni. Tuttavia, entrambi questi provider vantano una solida reputazione per quanto riguarda l’aggiramento dei blocchi recentemente introdotti dal governo cinese.

Configurazione e interfaccia

ExpressVPNNordVPN
Procedura guidata per la configurazione automaticaWindows, macOS, iOS, Android, Linux, Tomato e router DD-WRTWindows, macOS, iOS, Android e Linux
Selezione posizione principaleBasata su elencoBasata su mappa/elenco
Pagine di impostazioni aggiuntive
Mobile-friendly

L’app di ExpressVPN è di piccole dimensioni e mantiene proporzioni ottimizzate per i dispositivi mobili anche quando viene utilizzata su PC o Mac. Tutto è ben organizzato: le impostazioni e i server hanno il proprio schermo. Abbiamo gradito il fatto che il server utilizzato più di recente fosse facilmente accessibile anche dalla pagina principale, poiché ciò evita la seccatura di doversi ricordare, ad esempio, quale server è stato in grado di sbloccare un particolare catalogo di Netflix.

ExpressVPN dashboard

La schermata principale di NordVPN mostra una mappa con un indicatore in ogni Paese in cui il provider gestisce dei server. È possibile anche visualizzare l’elenco sulla sinistra. Questa lista separa i server generici da quelli specifici per il traffico P2P o le connessioni Tor tramite VPN, quindi trovare esattamente ciò di cui si ha bisogno è davvero facile.

nordvpn servers - screenshot

Server e prestazioni

ExpressVPNNordVPN
Paesi in cui gestisce server
9459
Numero totale di serverOltre 3.000Oltre 5.200

Sebbene ExpressVPN abbia server ubicati in più Paesi, NordVPN nel complesso offre più opzioni nella sua rete di server.

NordVPN ha una funzione non disponibile in ExpressVPN, ovvero il concatenamento VPN (noto anche come VPN multi-hop o VPN double-hop). Questo veicola il traffico attraverso due server, crittografando i pacchetti due volte. Si tratta di una interessante funzione di sicurezza, che però rallenta leggermente la connessione. In alternativa, NordVPN consente di veicolare i dati attraverso i suoi server, prima di farli passare attraverso la rete Tor.

Ecco i Paesi in cui sono ubicati i server di ciascuno dei provider. Come è possibile notare, entrambi dispongono di server in Italia che consentono di ottenere un indirizzo IP italiano. Questi possono permettere di utilizzare i servizi locali protetti dalla VPN (o di accedere a sistemi di internet banking italiani e ad altri servizi soggetti a restrizioni geografiche quando ci si trova all’estero).

ExpressVPNNordVPN
AMERICAS
ArgentinaArgentina
BahamasBrazil
BrazilCanada
CanadaChile
ChileCosta Rica
ColombiaMexique
Costa Rica
United States
Ecuador
Guatemala
Mexico
Panama
Peru
United States
Uruguay
Venezuela
EUROPE
AlbaniaAlbania
AndorraAustria
ArmeniaBelgium
AustriaBosnia and Herzegovina
AzerbaijanBulgaria
BelarusCroatia
BelgiumCyprus
Bosnia and HerzegovinaCzech Republic
BulgariaDenmark
CroatiaEstonia
CyprusFinland
Czech RepublicFrance
DenmarkGeorgia
EstoniaGermany
FinlandGreece
FranceHungary
GeorgiaIreland
GermanyIceland
GreeceItaly
HungaryLatvia
IcelandLuxembourg
IrelandMacedonia
Isle of ManMoldova
ItalyNetherlands
JerseyNorway
LatviaPoland
LiechtensteinPortugal
LithuaniaRomania
LuxembourgSerbia
MacedoniaSlovakia
MaltaSlovenia
Moldova, Republic ofSpain
MonacoSweden
MontenegroSwitzerland
NetherlandsUkraine
NorwayUnited Kingdom
Poland
Portugal
Romania
Russia
Serbia
Slovakia
Slovenia
Spain
Sweden
Switzerland
Turkey
Ukraine
United Kingdom
ASIA PACIFIC
AustraliaAustralia
BangladeshSingapore
BhutanHong Kong
Brunei DarussalamIndia
CambodiaIndonesia
HongKongJapan
IndonesiaMalaysia
JapanNew Zealand
Korea, Republic ofSouth Korea
Lao People's Democratic RepublicTaiwan
MacauThailand
MalaysiaVietnam
Mongolia
Myanmar
Nepal
New Zealand
Philippines
Singapore
Taiwan
Thailand
Vietnam
AFRICA AND MIDDLE EAST
AlgeriaEgypt
EgyptIsrael
IndiaSouth Africa
IsraelTurkey
KazakhstanUnited Arab Emirates
Kenya
Kyrgyzstan
Pakistan
SouthAfrica
SriLanka
Uzbekistan

Sulla base dei risultati dei test di velocità che abbiamo effettuato recentemente, NordVPN e ExpressVPN figurano entrambi tra i dieci provider più veloci. Però, c’è una differenza piuttosto sostanziale tra i due. Il nuovo protocollo Lightway di ExpressVPN ha conferito alla VPN una velocità media di download di 329 Mbps. NordVPN è risultata ancora più veloce, con una media di 369 Mbps, grazie al suo nuovo e veloce protocollo NordLynx.

No valueNordVPN
Websitewww.NordVPN.com
Velocità media di connessione - Nord America (USA)460 Mbps
Velocità media di connessione - Europa (Regno Unito)349 Mbps
Velocità media di connessione - Asia (Hong Kong)299 Mbps
Prezzo più basso al mese$3.29
SAVE 60% + FREE Malware Protection
No valueExpressVPN
Websitewww.ExpressVPN.com
Velocità media di connessione - Nord America (USA)472 Mbps
Velocità media di connessione - Europa (Regno Unito)499 Mbps
Velocità media di connessione - Asia (Hong Kong)453 Mbps
Prezzo più basso al mese$6.67
SAVE: 49% on the annual plan
Diagramma delle velocità delle VPN
Diagramma delle velocità delle VPN

Confronto dei livelli di sicurezza

ExpressVPNNordVPN
Protocolli VPNOpenVPN, Lightway, L2TP, IKEv2OpenVPN, NordLynx
Crittografia dati OpenVPNAES-256AES-256
Crittografia canale di controllo OpenVPNRSA-4096RSA-2048
Tecnologia cloakingCipher block chainingObsfproxy
Protezione trasmissione extraDouble-hop routing
Protezione contro perditeDNS, WebRTC, and IPv6DNS, WebRTC, and IPv6
Sicurezza appKill switch (desktop)Kill switch (desktop e iOS), protezione automatica Wi-Fi, ad-blocking, scansione malware
Stato DNSDNS privatoDNS privato

Sia ExpressVPN che NordVPN offrono più protocolli VPN per proteggere il traffico su Internet. ExpressVPN consente connessioni OpenVPN, IKEv2 e L2TP; inoltre, ha un protocollo proprietario, Lightway, che combina velocità e sicurezza. È anche più leggera, il che significa che dovrebbe consumare meno batteria sul dispositivo.

Anche NordVPN ha il suo protocollo. Si chiama NordLynx ed è basato su WireGuard, considerato da molti la prossima grande novità nell’ambito della sicurezza digitale. Rispetto a OpenVPN, NordLynx è più facile da controllare e vanta velocità più elevate, soprattutto se il server scelto è molto distante.

Entrambi i provider usano la crittografia AES con una chiave da 256-bit. Ciò fornisce una sicurezza online assoluta, perché il codice non è decifrabile. Per quanto riguarda la sicurezza, ExpressVPN è in lieve vantaggio, in quanto offre il canale di controllo. Questo codice viene utilizzato per la creazione di sessioni e per proteggere la distribuzione delle chiavi AES. Sia NordVPN che ExpressVPN utilizzano la crittografia RSA per questo canale, ma ExpressVPN utilizza una chiave più lunga: 4.096 bit, contro la chiave da 2.048 bit utilizzata da NordVPN.

Questo livello di sicurezza è particolarmente importante per coloro che si trovano in ​​Cina. Si dice che le autorità cinesi adesso siano in grado di violare la crittografia RSA con chiave da 1.024 bit e che stiano lavorando sulla versione da 2.048 bit. Una volta che ci saranno riuscite, NordVPN non sarà più sicura in Cina; tuttavia, ci vorrà del tempo prima che ciò accada. ExpressVPN ha sovraprogettato la crittografia del suo canale di controllo, al fine di garantire una sicurezza totale.

Entrambi i provider codificano il contenuto crittografato dei pacchetti per evitare che i dati ripetuti creino degli schemi nella trasmissione crittografata.

Le DNS call non sono crittografate; quindi, se una VPN consente al computer di continuare a utilizzare il servizio DNS predefinito nominato dal provider di servizi Internet (ISP), tutti i siti visitati potrebbero essere registrati dal proprio ISP, dagli hacker o da spie governative. Fortunatamente, sia ExpressVPN che NordVPN costringono tutti i riferimenti DNS a transitare attraverso i loro tunnel crittografati, impedendo a chiunque di monitorare l’attività dell’utente sul web.

Entrambi i provider offrono le medesime opzioni di sicurezza nelle loro app, le quali aiutano a prevenire l’esposizione del proprio indirizzo IP reale. L’utente può fare in modo che le app si attivino all’avvio del sistema operativo: ciò significa che possono essere impostate per essere sempre attive sul proprio computer.

Entrambe le app includono un’opzione kill switch che impedisce la navigazione nel caso in cui la VPN si dovesse accidentalmente disconnettere. NordVPN consente di utilizzare un kill switch classico o uno che funziona solo per app specifiche. ExpressVPN non dispone di quest’ultima opzione, ma offre lo split tunneling in tutte le sue app. Questo consente di scegliere le app che possano aggirare la VPN, mentre tutte le altre rimangono protette.

Privacy

ExpressVPNNordVPN
Sede legaleIsole Vergini britannichePanama
Registrazione di dati relativi alla connessioneAlcuniNo
Registrazione attivitàNoNo
Dati utente per la registrazioneIndirizzo e-mailIndirizzo e-mail
Opzioni di pagamento anonimoBitcoinBitcoin, Ethereum, Ripple

Nessuno dei due provider ha sede in uno dei Paesi della cosiddetta alleanza “Cinque Occhi”, quindi non sono costretti divulgare alle agenzie di sicurezza i dati sulle attività online dei loro utenti, o a collaborare con i tribunali statunitensi o britannici per rintracciare un particolare cliente.

ExpressVPN ha sede nelle Isole Vergini britanniche, nelle quali non vigono normative in materia di conservazione dei dati. La sede di NordVPN a Panama non è così sicura come potrebbe sembrare a prima vista. In questo Paese vigono alcune leggi draconiane sul copyright e NordVPN è stata costretta in diverse occasioni a collaborare con le autorità statunitensi. Tuttavia, NordVPN non dispone di server nel suo Paese d’origine e può quindi ignorare le pressioni esercitate dal governo al fine di divulgare informazioni.

Tutti i provider di VPN dichiarano di non registrare i dati degli utenti (politica no-log). Tuttavia, ciò spesso significa che non conservano alcun registro delle attività. Il registro delle attività annota qualsiasi azione dell’utente, inclusi i siti web visitati e i download di dati. Sfortunatamente, tracciando un collegamento dalla destinazione al punto di origine, i pubblici ministeri e le forze dell’ordine possono rintracciare l’utente determinandone l’esatta posizione. Una VPN interrompe la catena di tale tracciamento, ma i registri delle connessioni permettono comunque di rintracciare un utente attraverso la VPN.

NordVPN non conserva alcun dato di utilizzo della VPN o delle connessioni che siano in grado di svelare l’attività dell’utente; tuttavia raccoglie ID pubblicitari sui dispositivi mobili per uso personale.

ExpressVPN memorizza alcuni dati di connessione aggregati, ma fa il possibile per evitare di archiviare dati che potrebbero identificare l’utente. Tali dati includono l’ID dell’account, la data (ma non l’ora) delle connessioni, le posizioni delle connessioni e la quantità totale di dati trasferiti. L’azienda non registra il vero indirizzo IP dell’utente, quindi rintracciarlo dovrebbe essere impossibile.

Ciò solleva la questione se sia possibile aprire un account in modo anonimo. Se l’utente fornisce i dati della sua carta di credito per aprire un account, può essere identificato per mezzo di quei dati. La sua identità può essere svelata anche attraverso il suo account di posta elettronica.

Sia ExpressVPN che NordVPN consentono di pagare con criptovalute, il che significa che l’utente non può essere rintracciato/identificato attraverso la sua banca. Con ExpressVPN è anche possibile scegliere di pagare tramite la carta Mint, una carta prepagata che si può ricaricare presso i negozi e il cui rilascio non richiede l’identificazione dell’utente. Entrambi i provider richiedono all’utente di fornire un indirizzo e-mail, ma è possibile utilizzarne uno usa e getta. Quindi, con entrambi i provider è possibile creare un account anonimo impedendo a chiunque di risalire alla propria identità.

I livelli di privacy offerti da ExpressVPN e NordVPN sono eccellenti. Questo è uno dei motivi per cui entrambi i provider rappresentano un’ottima scelta per coloro a cui interessa scaricare torrent. Sia ExpressVPN che NordVPN sono trasparenti per quanto riguarda questo utilizzo, quindi non c’è bisogno di preoccuparsi nel caso in cui si debba contattare l’assistenza clienti per porre domande su come meglio ottimizzare la configurazione per il traffico P2P.

Configurazione

ExpressVPNNordVPN
Assegnazione indirizzoCondivisaCondivisa
Possibile indirizzo IP statico NoIn Francia, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito o Stati USA
Protezione DDoSNoNo
Firewall NAT

Le VPN possono utilizzare metodi diversi per mascherare l’indirizzo IP dell’utente. Sia ExpressVPN che NordVPN utilizzano il metodo dell’indirizzo condiviso. In questo scenario, tutto il traffico in uscita viene etichettato con l’indirizzo IP del server VPN. Lo stesso indirizzo IP viene assegnato anche a tutti gli altri utenti connessi contemporaneamente a quel server. Chiunque tenti di risalire a una determinata attività, potrà giungere solo al server VPN e non sarà in grado di identificare la persona da cui ha avuto origine la richiesta.

Questi sistemi di condivisione degli indirizzi IP sono gestiti da un sistema denominato “port address mapping” (PAT). Potresti aver letto qualcosa in merito alla protezione offerta da alcune VPN attraverso un firewall NAT. In realtà, si tratta di una PAT. Il sistema di traduzione degli indirizzi rende impossibile identificare l’indirizzo IP dietro il gateway, e questo crea automaticamente un firewall. Sia ExpressVPN che NordVPN offrono una protezione firewall NAT.

In alcune circostanze, l’utente potrebbe aver bisogno del suo indirizzo IP privato. Questo è particolarmente importante se desidera accettare connessioni in entrata. In questo caso, il firewall NAT non sarà applicato alla connessione. L’utente potrebbe aver bisogno di un indirizzo IP privato o “statico” se desidera configurare il suo server, ad esempio per il suo sito web, il server di gioco, il server Plex o per ospitare il suo sistema di archiviazione dati in cloud.

Con ExpressVPN non è possibile ottenere un indirizzo IP statico. Tuttavia, NordVPN offre questo servizio per un supplemento di 70 $ (52,17 £) all’anno. L’utente può scegliere un indirizzo IP del Regno Unito, degli Stati Uniti, dei Paesi Bassi, della Francia o della Germania, indipendentemente da dove risieda o dove si trovi effettivamente.

Entrambe le VPN offrono un certo grado di protezione DDoS, in quanto chiunque voglia lanciare un attacco DDoS avrebbe prima bisogno dell’indirizzo IP dell’utente. Quando quest’ultimo utilizza una VPN, nessuno può rilevare il suo indirizzo IP; l’unico indirizzo IP rilevabile è quello del server VPN utilizzato. Di conseguenza, chiunque avesse intenzione di lanciare un attacco contro un utente, alla fine attaccherebbe il server VPN. Sia ExpressVPN che NordVPN dispongono di un firewall NAT che respinge tutte le richieste non sollecitate, proteggendo così gli stessi server VPN dagli attacchi DDoS.

Servizio clienti

ExpressVPNNordVPN
Live chat
Assistenza via ticket
Assistenza via e-mail
Tempo medio di risposta dall’assistenza via e-mail49 min.3 ore, 45 min.
Assistenza telefonicaNoNo
Knowledge base di riferimento
Guide video

Per quanto riguarda l’assistenza clienti, sia ExpressVPN che NordVPN sono leader del settore. Entrambi offrono una funzione di live chat sul sito web gestita da personale esperto. Abbiamo testato entrambi i sistemi di chat e abbiamo riscontrato che quello di ExpressVPN si connette più velocemente. La buona notizia è che sia NordVPN che ExpressVPN dispongono di un sistema di traduzione che consente ai loro tecnici di comunicare in italiano e in altre lingue.

Abbiamo anche testato le risposte fornite tramite e-mail da ciascun provider. ExpressVPN e NordVPN hanno risposto in modo rapido ed esauriente a una semplice domanda riguardante lo streaming. I tecnici di ExpressVPN hanno divagato un po’ in merito a una domanda apparentemente semplice sulle perdite DNS fornendo molte informazioni sull’argomento, ma senza rispondere alla nostra domanda. Tuttavia, quando abbiamo posto di nuovo la domanda, abbiamo ricevuto prontamente una risposta. ExpressVPN ha risposto in media in un’ora e 40 minuti, rispetto alle tre ore e 24 minuti di NordVPN. Ecco i risultati dopo aver posto a ciascun team tre domande.

Nelle tabelle sottostanti sono riportati i risultati ottenuti dal team di ExpressVPN e da quello di NordVPN:

ExpressVPN
DomandaTempo di risposta inizialeNumero di e-mailRisposta ricevuta
ExpressVPN sblocca Netflix UK?1 ora e 24 min.1Yes
Dispone della protezione contro perdite DNS?2 ora e 29 min.2Yes
Se pago in Bitcoin, è previsto l’addebito automatico al termine di un ciclo di pagamento?1 ora e 8 min.1Yes

Ora i risultati di NordVPN:

NordVPN
DomandaTempo di risposta inizialeNumero di e-mailRisposta ricevuta
NordVPN sblocca Netflix UK?1 ora e 24 min.1
Dispone della protezione contro perdite DNS?3 ora e 49 min.1
Se pago in Bitcoin, è previsto l’addebito automatico al termine di un ciclo di pagamento?4 ora e 59 min.1

Ad ogni modo, entrambi i provider oggetto di questa recensione hanno effettivamente risposto a tutte le domande; non è un aspetto da sottovalutare, in quanto tante VPN non rispondono affatto. Sebbene i tempi di risposta ad alcune domande possano sembrare lunghi, sono in realtà fra le più veloci nel settore.

Il vincitore: NordVPN

ExpressVPN è un provider straordinariamente versatile che batte la maggior parte dei suoi rivali in termini di velocità e accesso ai vari cataloghi Netflix o alle emittenti TV italiane all’estero. Si è dimostrato un valido provider anche in termini di privacy e continuiamo a ritenere che sia una scelta eccellente per gli utenti disposti a spendere un po’ di più ogni mese.

Detto questo, consideriamo NordVPN la migliore opzione. È più veloce, dispone di più server e offre un maggiore controllo sulla configurazione della sicurezza rispetto a ExpressVPN. È una scelta affidabile per quanto riguarda la riproduzione in streaming di contenuti italiani o internazionali, grazie alla sua efficace funzione di sblocco e all’opzione di indirizzo IP dedicato.

Grazie alla garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni offerta da entrambi i provider, è possibile provare tranquillamente sia ExpressVPN che NordVPN. A prescindere da quale di questi due provider di VPN sceglierai, sarai in buone mani.

Sconto NordVPN
RISPARMIA IL 60% sull'abbonamento di 2 anni
Scopri l'offerta >
Sconto applicato automaticamente

Confronto tra ExpressVPN e NordVPN: la nostra metodologia

ExpressVPN e NordVPN hanno entrambe molto da offrire. Tuttavia, per aiutarti a prendere una decisione, abbiamo confrontato questi due provider considerando più aspetti. Di seguito riportiamo ulteriori informazioni sulla metodologia che abbiamo utilizzato:

  • Reti di server: una delle prime cose che esaminiamo è la rete di server di una VPN. Sia ExpressVPN che NordVPN dispongono di migliaia di server sparsi in decine di Paesi. Più grande è la rete di server, più sono i contenuti a cui potrai accedere e maggiori sono le probabilità che troverai un server vicino alla tua posizione effettiva.
  • Velocità: sappiamo che potresti voler utilizzare la VPN per lo streaming e il torrenting, ed è per questo che eseguiamo test di velocità sui server VPN in varie posizioni. Questo ci fornisce un quadro migliore delle velocità di una VPN. ExpressVPN e NordVPN sono tra le VPN più veloci che abbiamo testato.
  • Sblocco: non tutte le VPN sono in grado di aggirare le restrizioni. Per valutare le capacità di sblocco di ExpressVPN e NordVPN, le abbiamo testate su un’ampia gamma di siti web e servizi, tra cui popolari piattaforme di streaming come Amazon Prime Video, BBC iPlayer e Disney+.
  • Sicurezza: solo utilizzando di persona una VPN possiamo farci un’idea del tipo di sicurezza che offre (questo deve includere una crittografia di alto livello!). Questa esperienza pratica, combinata con i test relativi alle perdite DNS e IP, ci permette di consigliare solo le VPN in grado di proteggere l’utente quando è online.
  • Privacy: qualsiasi provider VPN affidabile applica una rigorosa politica no-log al fine di tutelare la privacy degli utenti. Questo è sicuramente il caso di ExpressVPN e NordVPN. Dopo aver esaminato oltre 140 politiche di logging adottate da varie VPN, siamo ora in grado di riconoscere le differenze. Esaminiamo anche altre funzionalità per la tutela della privacy, come l’opzione di pagamento in Bitcoin.
  • Facilità d’uso: abbiamo esaminato decine di VPN e testato di persona le rispettive app. La buona notizia è che ExpressVPN e NordVPN offrono app particolarmente intuitive e compatibili con una vasta gamma di sistemi operativi. Con i nostri test abbiamo anche contattato l’assistenza tramite live chat ed e-mail, per scoprire la qualità delle risposte ottenute e le relative tempistiche.
  • Rapporto qualità/prezzo: quando si esaminano i piani di abbonamento e le tariffe di una VPN, è importante prendere in considerazione tutti i fattori precedentemente elencati. All’utente dovrebbe essere concessa una garanzia soddisfatti o rimborsati di almeno 30 giorni (questo lo verifichiamo noi stessi, per assicurare che sia veramente a rischio zero). Come ultima cosa, ma non per questo meno importante, vengono forniti buoni sconto, in modo da poter risparmiare un po’.

Se desideri saperne di più sui test specifici che effettuiamo su VPN come ExpressVPN e NordVPN, consulta la nostra metodologia di test per le VPN, dove troverai ulteriori approfondimenti.

Domande frequenti su NordVPN o ExpressVPN

NordVPN dispone di server offuscati?

NordVPN consente ai suoi utenti di accedere a speciali server offuscati al fine di ottenere un livello di anonimato online ancora maggiore. Come se non bastasse, questa funzionalità è integrata in tutte le sue app, quindi puoi navigare in sicurezza indipendentemente dal dispositivo che stai utilizzando. Se desideri iniziare a usare questi server offuscati, puoi consultare le guide per l’installazione per ciascun sistema operativo nella sezione Knowledge base di NordVPN

Qual è l’opzione migliore per una console di gioco, NordVPN o ExpressVPN?

Innanzitutto precisiamo una cosa: poiché al momento Xbox, PlayStation, Nintendo Switch e le altre principali console di gioco non offrono un’app NordVPN o ExpressVPN, dovrai installare la VPN direttamente sul tuo router. ExpressVPN offre un firmware personalizzato proprio per questo scopo, il che semplifica notevolmente la procedura di installazione. In alternativa, se desideri solo sbloccare app e servizi soggetti a restrizioni geografiche, allora puoi sfruttare la funzione Smart DNS della VPN. 

Non c'è una risposta definitiva alla domanda “qual è la soluzione migliore?”: dipende dalle tue esigenze. Tra i lati positivi, c’è da dire che entrambi i provider danno priorità assoluta alla sicurezza e alla privacy degli utenti. Quindi, a prescindere da quale sceglierai potrai giocare e riprodurre contenuti in streaming nella più totale tranquillità. 

ExpressVPN è mai stata violata?

In teoria, se chi attacca è piuttosto determinato, sarà in grado di violare qualsiasi software. Detto ciò, ExpressVPN non ha subito violazioni dei dati né perdite e non è stata oggetto di scandali riguardanti la mancata tutela della privacy. Ecco una cosa che potrebbe rassicurarti: questa VPN non registra alcun dato che possa portare all’identificazione dell’utente. Ciò significa che, anche in caso di hackeraggio, la tua privacy rimarrebbe al sicuro, poiché non ci sarebbe modo di svelare quale utente ha effettuato l’accesso a un determinato sito.

ExpressVPN vs NordVPN: quale delle due sta maggiormente conquistando la fiducia dei clienti?

Difficile dirlo con precisione, visto che nessuno dei due provider pubblica i dati relativi agli utenti. Tuttavia, ExpressVPN vanta circa 180.000 download su Google Play Store, più altri 112.000 su Apple Store. Di contro, NordVPN ne conta quasi 350.000 su Google Play e 146.000 su Apple Store.

Tuttavia, questo metodo comporta un paio di problemi. In primo luogo, non tiene conto degli utenti Windows, MacOS o Linux. In secondo luogo, è possibile che alcuni utenti installino il servizio più volte su tutti i loro dispositivi. Tuttavia, rispetto a ExpressVPN, NordVPN consente solo una connessione simultanea in più, quindi è improbabile che questo fattore determini il maggior numero di installazioni. In altre parole, sembra che almeno sui dispositivi mobili NordVPN sia il provider più popolare.

Quale provider dispone dell'app più facile da usare?

ExpressVPN e NordVPN dispongono entrambe di app facili da utilizzare. Ciascuna ha i suoi vantaggi rispetto all’altra. Ad esempio, ExpressVPN offre estensioni del browser che ti consentono di controllare l’app principale direttamente sul browser. Di contro, NordVPN ti consente di connetterti a qualsiasi server (compresi quelli speciali ottimizzati per la privacy) senza mai uscire dalla schermata principale. Alla fine dei conti, dipende tutto dalle preferenze personali; non esiste una scelta sbagliata.

Quale dei due provider è più adatto per Android TV?

A dire la verità, sono entrambi un’ottima scelta per Android TV. Quale sia il provider migliore dipende unicamente dalle tue esigenze. Hai una connessione lenta e cerchi una VPN che abbia un impatto minimo? In questo caso, ExpressVPN potrebbe essere l’opzione migliore. Se invece ti interessa sbloccare le piattaforme di streaming soggette a restrizioni geografiche, NordVPN è la soluzione più adeguata.

Ancora non riesci a decidere? Niente paura, entrambi i provider offrono una garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni. Ciò significa che puoi provarli direttamente prima di decidere quale abbonamento acquistare.

Quale delle due VPN è più adatta per il dark web?

ExpressVPN è una scelta eccellente per la navigazione quotidiana, ma se stai pensando di avventurarti nel dark web, allora ti consigliamo NordVPN. Questo servizio è veloce quasi quanto il suo rivale e offre una migliore selezione di funzioni per proteggere la privacy.

 

La caratteristica principale di NordVPN sono i server Onion over VPN appositamente ottimizzati. Questi offrono i vantaggi della rete Tor (ma non gli altri vantaggi del browser Tor, come il blocco degli script, il rafforzamento https, nessun cookie, nessuna impronta digitale, ecc.). Inoltre crittografano il tuo traffico, aggiungendo un altro livello di protezione.

Quanto sono efficaci in termini di gestione dei dati?

Spesso è difficile dire con certezza se una VPN è fedele alla sua parola quando afferma di non registrare i dati e l’attività degli utenti. Tuttavia, NordVPN sembra mantenerla, dal momento che ciò viene regolarmente verificato da una terza parte indipendente. Gli unici dati memorizzati da questo provider sono il tuo indirizzo e-mail e i dati di pagamento, nessuno dei quali può essere associato alle tue attività online (a meno che tu non li abbia inseriti in uno dei siti web visitati).

ExpressVPN offre un livello di tutela della privacy simile, anche se registra alcuni dati al fine di risolvere problemi e ottimizzare il sistema. Questi includono la data (ma non l'ora) di connessione, il server che utilizzi, la larghezza di banda totale utilizzata in un periodo di 24 ore e il Paese in cui ti trovi quando ti connetti. Di per sé, con questi dati non si può risalire all’utente.

Entrambi i provider, inoltre, accettano Bitcoin e utilizzano server di tipo only-RAM. Questo ti consente di registrarti in modo anonimo e garantisce che tutte le informazioni salvate vengano eliminate ogni volta che i server vengono riavviati. In parole povere, a prescindere dalla VPN che userai, potrai navigare in sicurezza sapendo che nessuno può monitorare la tua attività online.

Qual è la VPN migliore per il torrenting?

La migliore VPN per il torrenting è NordVPN, anche se ExpressVPN non è da meno! Entrambe le VPN sono P2P-friendly, sebbene i nostri test di velocità suggeriscano che NordVPN sia la più veloce. Inoltre, NordVPN è l’unica delle due a disporre di server speciali ottimizzati per il P2P. Tuttavia, ExpressVPN e NordVPN includono entrambe una larghezza di banda illimitata che dovrebbe consentirti di scaricare quanti torrent vuoi senza interruzioni.